Attendi il caricamento o clicca qui

CLOSE x

Torna il freddo sull'Italia a ridosso della Primavera: focus su Matera e provincia

Un inverno anomalo ed anche anonimo perché poco condito da freddo e neve come normalmente ci si aspetta. Ora entra la bella stagione ma il clima è pronto a sorprenderci ancora. Pochi giorni prima della primavera meteorologia (1 Marzo) una nevicata breve ma importante, con temperature minime bassissime registrate su tutta la provincia ci aveva interessati. Pochi giorni dopo la primavera astronomica (21 Marzo) ci attende una nuova irruzione di aria fredda. Facciamo un rapido passo indietro e capiamo i motivi di questo clima rigido a stagione invernale praticamente conclusa.

LO STRATWARMING E LA SUA INFLUENZA SUL CLIMA

Premesso che le irruzioni di aria fredda marzoline nella misura in cui vedremo nei prossimi giorni, sono molto più frequenti di quanto si pensi, c'è da dire che quest'anno un importante gioco a favore di un inizio di primavera freddo lo ha fatto lo StratWarming di inizio Febbraio, ovvero un forte surriscaldamento della Stratosfera sopra il Polo Nord che destabilizza il Vortice Polare (responsabile del Freddo Polare) portandolo a spingersi verso le basse latitudini. Questo ha avuto ripercussioni in Troposfera a fine Febbraio portando la nevicata che tutti ricordiamo. Lo StratWarming di cui parliamo è da ritenere un responsabile importante anche della irruzione fredda che vi racconteremo a breve poiché la sua intensità ha condizionato e condizionerà le condizioni del nostro continente almeno fino ad inizio Aprile.

COSA SUCCEDERA AL SUD ITALIA FINO A DOMANI

Torniamo a fare un passo avanti e capiamo cosa succederà al Sud Italia e sulla nostra provincia nei prossimi giorni. Dopo lo Scirocco, l'umido e le temperature alte avutesi nei giorni appena trascorsi e causati dal continuo infiltrarsi di depressioni dall'Atlantico verso il Mediterraneo, adesso ci attende un calo termico. Tale flessione sarà dovuta alla chiusura della porta atlantica ad opera dell'Anticiclone, che permetterà ai flussi freddi di allungare la propria trattoria verso la Scandinavia, pescare più freddo e, solo dopo, tuffarsi verso il Mediterraneo, rinvigorite da altre depressioni in risalita dall'Africa Settentrionale.

Insomma, Depressioni in risalita dall'Africa, Anticiclone delle Azzorre che veicolerà il freddo verso la nostra penisola, saranno un mix perfetto per incorniciare la seconda irruzione fredda di questo inverno. Come intuibile, però, non si tratterà di freddo intenso. 

UN PRIMO SGUARDO A MATERA E PROVINCIA

Le temperature scenderanno molto probabilmente sotto lo zero, ma solo a precipitazioni terminate. Per vedere la neve bisognerà aspettare Giovedì sera, quando inizierà ad entrare più freddo e la quota neve scenderà fino sotto i 5-600m. Possibili imbiancate, proprio Giovedì, nei paesi più alti della provincia rivolti verso il Potentino (Tricarico e Stigliano in primis).

La fase successiva è ancora abbastanza indecifrabile ma non si possono attualmente escludere possibili fiocchi anche su Matera nella serata-nottata tra Giovedì e Venerdì, quando le temperature arriveranno a toccare valori sotto i 2°C. Vista la distanza temporale di ben cinque giorni, non possiamo andare oltre e consigliarvi di continuare a seguire i nostri aggiornamenti