loading

Previsioni per Matera: 25/01 - 27/01/2013

Vi stiamo tenendo abbastanza aggiornati, da qualche giorno, sugli affondi che le varie Basse Pressioni atlantiche, hanno compiuto verso l'Italia e la nostra regione. L'ultima di queste perturbazioni in ordine cronologico, è quella che ci sta interessando da ieri sera/notte. Tempo instabile e 3mm di pioggia quest'oggi, hanno propiziato l'ingresso dell'ennesimo centro di Bassa Pressione verso il nostro stivale.

Tuttavia, la traettoria presa da tale minimo è ben diversa dalle precedenti: infatti, grazie alla sua posizione più meridionale, attrarrà più freddo verso le regioni meridionali ed Adriatiche. Ma procediamo con ordine.

IN EUROPA

Facendo un breve riassunto delle puntate precedenti, si è instaurato per lungo tempo tra il Canada, l'Italia e la Scandinavia, un lungo ponte di Bassa Pressione che ha caratterizzato Gennaio, fin'ora piovoso e abbastanza freddo al Nord. Tale ponte ha via libera a causa della poca attività dell'Anticiclone delle Azzorre. Per spiegare meglio il tutto vi riproponiamo l'immagine che utilizzammo nei precedenti articoli. 

La perturbazione che in queste ore e nei prossimi giorni colpirà l'Italia proviene, dunque, dall'Alto Atlantico.

IN ITALIA

Il tempo sullo stivale per la prossima settimana, sarà influenzato del tutto da questa Bassa Pressione in transito, che, dopo essersi piazzata sul Tirreno ieri notte, oggi si sta rinforzando per raggiungere lo Ionio. Una bassa pressione sullo Ionio è spesso sinonimo di freddo e occasioni di neve per le regioni adriatiche. Ciò significa che nelle prossime ore e nei prossimi giorni, nevicate moderate interesseranno le coste Abruzzesi, le quote superiori ai 2-300mt in Molise e Foggiano, 6-700mt e via via sempre più in basso per ciò che riguarda la Calabria e la Sicilia. Per la Basilicata e la Puglia Centrale, le precipitazioni  ed il freddo sono un grosso dilemma che andiamo a descrivere meglio nel prossimo paragrafo.

A MATERA

Neve o non neve? E' questo il problema! Tutto dipenderà, domani Sera (Venerdì 25) dalla capacità dei venti da nord-est (causati da quella Bassa Pressione sullo Ionio) di far entrare il freddo a Matera, prima che le precipitazioni si esauriscano. 

La configurazione che ci apprestiamo a vivere, spesso ha portato buone nevicate in Puglia Centro-Settentrionale e Lucania Orientale, come ci dimostra lo stesso 9 Dicembre 2012 (unica nevicata che quest'anno ci ha interessati). Tuttavia abbiamo elementi necessari per ritenere che il freddo e le precipitazioni faranno molta fatica a trovare un accordo perché la neve torni a visitare la città. Le chance più grosse si avranno Venerdì dalla serata, quando la temperature subirà una decisa flessione e l'instabilità favorirà qualche fenomeno.

Nelle giornate di Sabato e Domenica, invece, il freddo sarà sicuramente pungente, con massime di poco superiori ai 4-5°C e minime vicine se non sotto lo 0°C nelle parti più ventilate e di altitudine superiore. I fenomeni, a nostro parere, saranno molto rari e più probabili per le zone vicine al Mar Adriatico, dove l'effetto Stau (che permette la formazione di nuvolosità grazie al contrasto dei venti da Nord Est con l'appennino) dovrebbe avere la sua massima espressione. 

Vi invitiamo, comunque, a rimanere in contatto con questo sito per ulteriori aggiornamenti, specie per la serata di Venerdì Sera-Sabato Notte

Previsioni Periodiche

24 gennaio 2013