Attendi il caricamento o clicca qui

CLOSE x

Umido quando vai via? Bisogna aspettare il 17 Aprile, ma arriverà la pioggia

L'umidità sta caratterizzando l'inizio di questa seconda decade di Aprile 2018. Le cause sono da ricondurre ad una depressione che, invece di buttarsi sul Mediterraneo Centrale dando continuità alle piogge che a Marzo ci hanno spesso interessati, dall'Atlantico è andata a posizionarsi, o meglio, allungarsi sulla Spagna orientale dove rimane sostanzialmente ferma. 

Tale depressione, nella posizione in cui si trova, consente all'aria più fresca di coinvolgere quasi la totalità della Spagna e del Portogallo, e all'aria più calda ma anche più umida, di prendere possesso del nostro paese, con piogge sulle regioni Centro Settentrionali Tirreniche e umidità alle stelle, nonostante il cielo sereno, sulle altre zone.

La situazione, però, è destinata a cambiare a livello europeo, ma non in meglio. Il vento di scirocco, responsabile dell'umidità, continuerà a soffiare anche nel fine settimana dopo una breve pausa nella giornata di Venerdì. Questo a causa di un nuovo minimo di bassa pressione che, dopo che la depressione spagnola si sarà depotenziata, risalirà dall'Africa Nord Occidentale al Mediterraneo Centrale, raggiungendo i nostri mari già Venerdì sera. Da qui, nuovi venti di Scirocco, più intensi di quelli già sperimentati in questo periodo, torneranno a colpire il nostro paese, stavolta con precipiazioni possibili anche al Sud.

Andiamo, però, al punto. Quando è destinata a lasciarci l'umidità?

Dopo l'affermazione di questa seconda depressione sul Mediterraneo, quest'ultima si scaricherà probabilmente sul Tirreno e, nel contempo, si andrà a creare una potente area di Alta Pressione sul Centro-Nord Europa, la cui forma permetterà ai venti di disporsi dai quadranti prevalentemente Settentrionali od Orientali. Questo permetterà un clima, si, più secco, ma, non essendoci una vera e propria protezione anticiclonica, anche più perturbato, con possibili precipitazioni.

Senza spingerci troppo oltre, possiamo dire che ci aspettano, dunque, tre fasi. Una, ormai già cominciata, in cui la depressione spagnola si scaricherà interrompendo il dominio dello Scirocco sull'Italia e una leggera diminuzione delle temperature, una seconda, da Venerdì, in cui una nuova depressione, risalendo dall'Africa, si impossesserà del Tirreno portando piogge sulle regioni Occidentali e nuovo Scirocco, più intenso, sulle orientali del Sud con aumento delle temperature, ed infine una terza, da Lunedì-Martedì in cui anche questa depressione si scaricherà e lascerà l'Italia in una situazione instabile, con più possibilità di pioggia ma clima secco.