loading

MENU

Protezione civile: allerta neve e ghiaccio per Giovedì 5 e Venerdì 6


Aggiornamenti

04 gennaio 2017

Da poche ore è disponibile il bollettino di vigilanza a 3 giorni della protezione civile nazionale che interessa, per la giornata di domani e di dopodomani, anche il nostro territorio e le regioni meridionali.

Nello specifico, come da immagini:

Giovedì 5 Gennaio 2017 - Allerta moderata per neve

Nevicate sulla Campania e sui settori settentrionali di Basilicata e Puglia inizialmente al di sopra dei 700-900, in progressivo abbassamento nel corso della giornata fino ai 200-300 m, in ulteriore calo fino al livello del mare nella sera/notte, con apporti al suolo da deboli a moderati alle quote più basse, generalmente moderati a quelle collinari e montane; 

Nevicate sul resto della Puglia e della Basilicata, sulla Calabria e sui settori settentrionali della Sicilia inizialmente al di sopra dei 1200-1400 m, in progressivo abbassamento fino ai 300-500 m, in ulteriore abbassamento fino al livello del mare durante la nottata, con apporti al suolo deboli alle quote più basse, generalmente moderati a quelle collinari e montane.

Temperature in generale e sensibile abbassamento nelle minime serali al Centro-Sud; diffuse gelate serali e notturne nelle zone interessate dalle nevicate.

Venerdì 6 Gennaio 2017 - Allerta moderata per ghiaccio e bassa per neve

Nevicate fino a quote pianeggianti/costiere su Marche centro-meridionali, Abruzzo, Molise, Puglia centro-settentrionale, settori tirrenici meridionali della Calabria, settori settentrionali della Sicilia centro-orientale e limitatamente alle primissime ore sui settori orientali di Toscana e Umbria, con apporto al suolo deboli su queste ultime due regioni, generalmente moderati altrove, fino ad abbondanti alle quote collinari e montuose di Abruzzo, Molise, Puglia e Sicilia settentrionale; 

Nevicate fino a quote pianeggianti/costiere sul resto della Puglia e della Sicilia settentrionale, sui settori orientali del Lazio, sui settori orientali e localmente anche su quelli costieri e arcipelago della Campania e sui settori ionici della Calabria, con apporti al suolo da deboli a moderati.

Temperature in generale diminuzione, da sensibile a marcata specie nelle massime, su tutto il territorio nazionale.