loading

MENU

SPECIALE FREDDO - Le possibilità di neve per Matera: ecco cosa succederà!


Aggiornamenti

28 novembre 2016

Filippo Tuzio

Siamo a pochi giorni dall'inizio dell'inverno meteorologico (1 Dicembre), ma di certo non siamo nuovi ad irruzioni fredde nel mese di Novembre. L'ultima nel 2013, quando una veloce spolverata notturna imbiancò la nostra città tra il 26 ed il 27.

Anche quest'anno il freddo, per presentarsi al nostro cospetto, ha scelto questo periodo per presentare la stagione invernale, ma non perdiamoci in chiacchiere ed andiamo subito a capire cosa succederà

UNO SGUARDO AMPIO

Innanzitutto inquadriamo il periodo di cui stiamo parlando. Si tratta del lasso di tempo che va da stasera (Lunedì 28 Novembre 2016) fino a Mercoledì pomeriggio (30 Novembre 2016). All'interno di questa fascia temporale, avremo un calo termico considerevole di 5-10°C su tutto il territorio, dovuto a correnti fredde da Nord, Nord-Est che si intensificheranno nel corso di questa sera (dalle 22 di Lunedì) per poi pian piano indebolirsi quando avranno esaurito il loro compito: portare il freddo sul nostro paese.

Per i più "tecnici" si parla di -6/-8°C a 850hPa (1500mt circa di quota) con la configurazione tipica delle abbondanti nevicate sui territori del Centro italia adriatico, dove effettivamente sono previsti 30-40cm e nevicate anche sotto i 2-300mt di quota. 

PRECIPITAZIONI

Ad anticipare ed accompagnare il calo termico, ci saranno una serie di precipitazioni portate dall'insediarsi, sul mar Ionio, di una bassa pressione che, in uscita dalla Spagna, andrà sia a trascinare il freddo verso la Grecia, sia a creare instabilità nelle prime ore del raffreddamento. E' lecito, dunque, aspettarsi precipitazioni deboli-moderate anche a Matera questa sera già da prima della mezzanotte. Le precipitazioni, ci teniamo a chiarirlo, si svilupperanno con temperature ben al di sopra della temperatura necessaria a vedere la neve (5-6°C).

OK, MA QUINDI NEVICA?

Una volta entrato il freddo, sulla nostra regione, ovvero tra la mezzanotte e le 6 di mattina di Martedì, le precipitazioni portate dall'instabilità creata dal minimo di pressione, saranno quasi del tutto esaurite (anche se è possibile che si formino nuovi depressioni dovute ai contrasti termici che alimenterebbero i fenomeni, ma per ora lo escludiamo), ma i venti freddi da Nord Est, in contrasto termico con le acque del mar adriatico, daranno vita a quello che ormai è noto come il fenomeno dei trenini. 

Per chi ci segue da qualche anno e ricorda le precedenti occasioni di neve per Matera, non ci sarà bisogno di spiegare che questo tipo di situazioni sono molto complesse da prevedere se non del tutto imprevedibili, ma, come sempre abbiamo fatto, tenendo comunque ben conto di questa premessa, ci spingiamo oltre e vi preannunciamo la possibilità di nevicate e rovesci anche localmente forti sulla regione.

Il fenomeno dei trenini dovrebbe durare per tutta la giornata di Martedì prediligendo alcune zone che sarà possibile individuare solo ad evento in corso. Per questo motivo vi invitiamo a continuare a seguirci sulla nostra pagina. In ogni caso ribadiamo che ad oggi non siamo il target principale, ma che i modelli matematici prediligono zone come la Valle d'Itria e l'Alta Murgia (incluso Vulture).  

IN CONCLUSIONE

Siamo pronti all'arrivo del freddo, un piccolo assaggio dell'inverno che tra pochi giorni entra ufficialmente. Non sarà un evento storico e gli accumuli saranno irrisori soprattutto perché il periodo freddo durerà poco (circa 24 ore) e non è forte come quelli scorsi (basti pensare che sfioeremo i -8°C a 1500mt quando nella famosa nevicata natalizia del 2013/14 alla stessa quota le temperature erano cosntantemente sotto i -11/-12°C).

Dunque, agli amanti della neve, non rimane che aspettare l'arrivo di qualche sfiocchettata sperando che i "trenini" arrivino su Matera più di quanto quelli veri facciano attualmente.

Nuovi aggiornamenti seguiranno sulla pagina e sul sito. Stay tuned su Matera Meteo (Facebook) e MateraMeteo.it